Il cibo e la salute mentale sono correlati?

Gennaio 24, 2022

L’ambiente sempre più inquinato (ambientale, acustico, elettromagnetico…) in cui viviamo, il cibo denaturato (ultra elaborato, raffinato, additivi, pesticidi…) e la mancanza di contatto con la natura, può contribuire allo sviluppo di diversi disturbi, compresi i problemi mentali. Una buona dieta influenza la prevenzione e il miglioramento di questi problemi di salute mentale.

Il cibo e la salute mentale sono correlati?
Il cibo ha un’influenza decisiva sulla salute mentale, poiché uno stile di vita sano contribuisce al benessere mentale e fisico della persona. Il filosofo Platone ha già detto che “mens sana in corpore sano”, e non può essere più giusto, dal momento che le buone abitudini di vita (cibo che mangiamo, sport, sonno, ecc.) influenza sia la salute fisica che mentale. E se miglioriamo la salute fisica miglioriamo anche la salute mentale e viceversa.

Il modo in cui mangi ha a che fare con diversi motivi. Mangiamo per piacere, a seconda di come ti senti, preferenze individuali, cultura nutrizionale, religione, cibo disponibile, stato socioeconomico o relazioni sociali. Dipende da quali alimenti scegliamo e come li combiniamo, il che influenza direttamente la salute mentale.

La dieta non è solo l’assunzione di kcal., e più che guardando la quantità di cibo che mangiamo noi dobbiamo guardare che questi sono qualità. Ci nutriamo di ciò che assimiliamo, non di ciò che mangiamo. Nutrire significa fornire salute e vitalità, che influenza direttamente la salute mentale con i nutrienti che diamo al nostro cervello. La salute può cambiare in qualsiasi momento, quindi devi prendertene cura giorno per giorno.

Perché il cibo malsano influisce sulla salute della mente?
Non sempre sappiamo cosa dobbiamo mangiare, a causa della mancanza di accesso alle informazioni o a causa di informazioni contraddittorie o non del tutto vere. Altre volte, sappiamo cosa dovremmo mangiare, ma non possiamo o non vogliamo accedere.

I prodotti commestibili accessibili (materie prime economiche) diventano l’alternativa ricca, facile ed economica per molte persone, il che porta alla malnutrizione quando gli alimenti sani vengono spostati e i nutrienti necessari per una dieta sana per la salute mentale non vengono ingeriti.

Ma puoi avere sia la malnutrizione che l’eccesso di energia, da un eccesso di energia sotto forma di calorie vuote, senza alcun valore nutrizionale. Si basa principalmente su un eccesso di farine, amidi e zuccheri, oltre a grassi malsani. Questi prodotti non sono buoni per la salute, non solo a causa dell’eccesso di kcal, ma per tutto il nostro corpo, con una chiara influenza sulla salute mentale.

Quali alimenti possono essere dannosi?
Alcuni prodotti hanno un impatto negativo sulla salute mentale, quindi dovresti mangiarli il meno possibile. Pertanto, devono essere parte di un consumo occasionale, non essendo abituale nel giorno per giorno.

Questi prodotti sono i seguenti:

Ultra-Processed: tutto ciò che esce da un pacchetto e contiene una lunga lista di ingredienti: cibi precotti, biscotti, pasticcini, yogurt aromatizzati, dolci da latte, bevande zuccherate e bevande analcoliche, …
Zuccheri semplici: zucchero bianco, zucchero di canna, panela, miele, sciroppi, melassa
Cereali raffinati: pane non integrale, riso o pasta, cereali per la colazione.
Carni lavorate: hamburger, wurstel, salsicce, …
Grassi raffinati, trans: oli vegetali raffinati di bassa qualità (girasole raffinato e oliva), margarina.
Alcolico.
Cosa mangiare per migliorare la salute mentale?
Ci sono alcuni alimenti che vengono comunemente consumati nella dieta, poiché sono essenziali per la prevenzione e il miglioramento della salute mentale.

Vediamo cosa sono.:

Alimenti vegetali, in particolare verdure fresche e frutta, nonché legumi, noci e cereali integrali (pane integrale, pasta integrale, riso integrale).
Meno (ma frequente) pesce, carne magra, oli vegetali vergini e latticini.
Cibo locale e stagionale e, se possibile, biologico.
Verdure per migliorare i problemi di salute mentale:

Sono la base del cibo, poiché hanno funzioni regolatorie e antiossidanti del corpo.
Quante verdure mangio?:

Minimo 2-3 porzioni al giorno e non c’è massimo.
Devono essere presenti almeno a pranzo e cena.
Almeno una delle razioni è cruda.
Varietà, poiché ogni colore ha diversi componenti medicinali: arancione (beta carotene o provitamina A), verde (flavonoidi), rosso (licopeni), lilla (antociani).
I frutti dovrebbero anche essere presenti nella dieta:

È importante che sia fresco e intero, non in succo.
Minimo 2 porzioni al giorno, se possibile includere un agrume.
Proteine (carne, pesce, uova, latticini, legumi,…) per migliorare i problemi di salute mentale:

Ha una funzione di costruzione e riparazione.
Quante proteine mangio?

Un po ‘ ad ogni assunzione, almeno in 2 dei pasti principali.
Non ci sono solo proteine nel mondo animale.
L’ideale sarebbe mangiare:

Pesce bianco nessun problema.
Legumi: non c’è limite.
Uova: 4-14 a settimana.
Pesce azzurro: piccolo e selvatico fino a 4 volte a settimana.
Carne magra non più di 1 volta a settimana.
Carne rossa non più di 1 volta al mese.
Carni lavorate: mai o eccezionalmente.
Latticini: sono preferibili fermenti interi sotto forma di yogurt o kefir.
Grassi sani (olio extra vergine di oliva, olio di cocco vergine, avocado, noci…):

Hanno molteplici funzioni importanti: funzione energetica, regolatore ormonale nelle donne, ecc.
Il nostro cervello ha un’alta composizione di grassi.
Mangiare grassi non è la stessa cosa che immagazzinare grassi.
Quanti grassi mangi ogni giorno? olio extra vergine di oliva (crudo) a discrezione, olio di cocco vergine 1 cucchiaio, mezzo avocado massimo, 2-3 manciate di noci tostate (non fritte).
Carboidrati (cereali, tuberi, legumi):

Ha funzione energetica.
Quanti?

Dipende dalla tua attività fisica. L’eccesso si accumula sotto forma di grasso.
Scegli cereali integrali su cereali raffinati (riso, pasta) e cereali integrali su farina (porridge o pane tostato).
Include tuberi e pseudocereali più spesso (patate, patate dolci, quinoa, grano saraceno…).
Abitudini di vita che aiutano a prendersi cura della salute mentale
Mangiare sano, equilibrato e adattato alla persona. Il cibo è la chiave, ma non abbastanza.
Evitare l’ingestione e il contatto continuo con sostanze tossiche (alcol, tabacco, inquinamento, pesticidi,…).
Esercizio ogni giorno. Almeno a piedi 1 ora al giorno.
Avere un sonno ristoratore, un minimo di 7 ore.
Respirare aria fresca e ottenere esposti al sole tutti i giorni (con buon senso).
Essere a contatto con la natura diversi giorni alla settimana.
Avere un atteggiamento positivo nei confronti delle situazioni di vita. Essere tolleranti verso gli altri e noi stessi
Calma la mente e disconnetti dalla routine.

Leave a Reply:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.